3 Watch Out

25 Luglio 2018

3 WATCH OUT: nuovo modello di cooperazione transfrontaliera in Protezione Civile

E’ stato presentato questa mattina, presso la sede della Presidenza della Regione Puglia a Bari, il progetto di cooperazione transfrontaliera 3 WATCH OUT “Trilateral model of civil protection: WAys, Tools and CHallenges for OUr safeTy”, finanziato per 979.400,00 euro dal Programma INTERREG Italia-Albania-Montenegro 2014-2020, Asse 3 “Protezione dell’ambiente, gestione del rischio e strategia a basse emissioni di carbonio”, della durata di 24 mesi.

Galleria Fotografica

Foto

14 May 2019

Foto

14 May 2019

Foto

14 May 2019

Il progetto vuole definire le regole della cooperazione transfrontaliera in caso di emergenza, delineando azioni pilota e interventi per la riduzione di tre tipi di rischio (idrogeologico, sismico e da incendi boschivi), fornendo analisi e mappatura di tali rischi sui territori, organizzando esercitazioni e attività di formazione e informazione nei tre paesi coinvolti. “La cooperazione è il modo migliore per scambiare conoscenze e mettere la professionalità e l’umanità della nostra Protezione Civile a disposizione di altri Paesi – ha commentato il vicepresidente della Regione Puglia, nonché assessore alla Protezione Civile, Antonio Nunziante -. Tutto questo con l’auspicio che la protezione civile sia sempre meno materia dell’emergenza e diventi sempre più materia di prevenzione”.

Galleria Fotografica

Foto

14 May 2019

Foto

14 May 2019

Foto

14 May 2019

“Con il suo ruolo di capofila del progetto la Sezione Protezione Civile della Regione Puglia esporta il suo modello all’estero – ha aggiunto Ruggero Mennea, presidente del Comitato regionale permanente di protezione civile -, un modello che si è rivelato efficace ed efficiente, laboratorio di buone pratiche da condividere”.

Scambio di conoscenze e buone pratiche, focus sulle normative locali in materia di protezione civile e arricchimento delle attrezzature dedicate, sono tra gli obiettivi che i partner di progetto stranieri attendono: il Ministero dell’Interno del Montenegro – Direzione per la gestione delle emergenze, il Consiglio Regionale di Lezha (Albania) e la ONG albanese “Partenariato per lo sviluppo”. Al progetto partecipano anche la ONG italiana “Ricerca e Cooperazione” e l’Università di Bari – Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali e Territoriali, perché il contributo della ricerca scientifica nelle attività pratiche di Protezione Civile è sempre più importante.

Ultimi articoli

News 24 Febbraio 2020

CORONAVIRUS, EMILIANO IMPARTISCE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE PER RIDURRE I RISCHI DI CONTAGIO PER IL FLUSSO DI RIENTRO IN PUGLIA DA REGIONI CON FOCOLAI

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano comunica che allo stato non si registra alcun caso di Coronavirus in Puglia.

News 22 Febbraio 2020

NUOVO CORONAVIRUS – Cosa c’è da sapere

Nuovo coronavirus: Decalogo Iss e Ministero con Regioni, Ordini professionali e società scientifiche Il poster e il pieghevole con il decalogo sono stati messi a punto, per informare correttamente i cittadini, dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e dal Ministero della salute ed hanno raccolto l’adesione degli ordini professionali medici e delle principali società scientifiche e associazioni professionali, oltre che della Conferenza Stato Regioni.

News 6 Febbraio 2020

Aggiornamento sulla situazione meteo prevista nei giorni 6 e 7 febbraio 2020

Aggiornamento sulla situazione meteo prevista per le prossime ore L’Italia è interessata da correnti in quota settentrionali, derivanti da una vasta area depressionaria estesa dall’Europa nord-orientale ai Balcani; in tale contesto, ancora per oggi, sono attesi venti intensi da nord sulle regioni centro-meridionali ma in graduale attenuazioni e residue precipitazioni sul Basso Tirreno.

torna all'inizio del contenuto