Sala Operativa Integrata Regionale (SOIR)

La Sala Operativa Integrata Regionale (SOIR) è stata istituita dalla Regione Puglia attraverso Deliberazione di Giunta Regionale  n. 1762 del 23 settembre 2008, in attuazione della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 dicembre 2008 “Indirizzi operativi per la gestione delle emergenze” e delle “Linee guida per la pianificazione di emergenza in materia di protezione civile” approvate dalla Regione Puglia con la Deliberazione della Giunta n. 255 del 7 marzo 2005, successivamente integrata e modificata dalla Deliberazione di Giunta Regionale n. 535 del 05 aprile 2018 recante “Nuovo assetto organizzativo della Sala Operativa regionale di Protezione Civile annessa al Centro Operativo Regionale”. Garantisce un servizio h24, sette giorni su sette, 365 giorni l’anno, con orario di lavoro articolato su turni che garantiscono la continuità nell’arco delle 24 ore.

La SOIR è l’organo di recepimento e restituzione delle informazioni provenienti dal territorio e dalle Istituzioni di governo nazionale e/o locale preposte alla vigilanza territoriale e al pronto intervento emergenziale. In situazioni di normalità si occupa del monitoraggio territoriale, in caso di emergenza e/o di situazioni di rischio connesse ad eventi prevedibili o non prevedibili (rischio meteo/idrogeologico, rischio sismico, rischio industriale, ecc.) coordina le azioni per la salvaguardia della pubblica e privata incolumità,  in continuo contatto con la Sala Situazioni Italia del Dipartimento della Protezione Civile, con i Centri Operativi locali (COC e COM) e con il Centro Funzionale Decentrato Regionale del Servizio Protezione Civile Puglia.

In caso di rischio meteorologico, idrogeologico ed idraulico, così come definito con Deliberazione della Giunta Regionale n. 2181 del 26 novembre 2013 “Procedure di allertamento del sistema regionale di protezione civile per rischio meteorologico, idrogeologico ed idraulico” la SOIR:

  • assicura lo scambio informativo con la Sala Situazioni Italia e con tutte le strutture operative di protezione civile (Comuni, Prefetture, Province, ecc.);
  • predispone e diffonde il Messaggio di allerta conseguente all’emissione da parte del CFD di un Avviso di criticità regionale o di un Bollettino di criticità regionale, ovvero in caso di emissione da parte del Dipartimento della Protezione Civile di un Avviso di avverse condizioni meteorologiche;
  • presidia h24 la struttura in caso di emissione di un Messaggio di allerta;
  • riceve dal CFD aggiornamenti sulla situazione pluvio-idrometrica in atto, effettuati mediante la rete di monitoraggio in telemisura;
  • comunica ai funzionari di turno del CFD ogni informazione pervenuta dal territorio durante l’evoluzione del fenomeno in atto;
  • comunica tempestivamente ogni segnalazione di criticità in atto sul territorio al Dirigente del Servizio e al CFD.
torna all'inizio del contenuto